Alleanza delle Cooperative Italiane: no ad altre centrali cooperative PDF Stampa E-mail
lunedì 25 marzo 2013
ImageQuesti anni di crisi hanno messo a dura prova le forme di rappresentanza. È per questo che chi, nella nostra società, ha l’onere e l’onore di rappresentare interessi, deve agire sempre con senso di responsabilità. Purtroppo, in un momento nel quale il richiamo alla coesione e al dialogo costituisce la base su cui costruire ogni azione di ripresa (in tal senso gli inviti del presidente Napolitano), dobbiamo assistere alle strategie antistoriche e fallimentari della Coldiretti, che cerca per l’ennesima volta di acquistare col vil denaro una rappresentanza del movimento cooperativo.

Parliamo di strategie fallimentari perché diversi sono stati i tentativi messi in atto dal 2008: da quando, cioè, il presidente di Coldiretti Sergio Marini dichiara guerra alle Centrali cooperative attribuendo loro il fallimento nella mission di rappresentanza (Il Sole 24ore del 31 luglio 2008). La storia dirà che mai giudizio fu più affrettato. In quella occasione Marini parla già di 1.200 cooperative associate che nel primo semestre 2009 sarebbero passate a 1.500 aderenti a Coop Coldiretti (Il Sole 24ore del 1° maggio 2009). La verità è che al, termine della guerra, il generale Marini non ha esercito alle sue spalle, le cooperative rimangono saldamente legate alle organizzazioni che per anni le hanno ben rappresentate, tutelate ed assistite. Primo fallimento.
Nel luglio del 2009, la Coldiretti sposa l’Unci nel tentativo di aprirsi una strada nel mondo della rappresentanza cooperativa; tant’è che Mauro Tonello, vicepresidente Coldiretti, è nominato presidente dell’associazione Unci-Coldiretti. Il dato più mortificante della vicenda è che una centrale cooperativa sceglie di “vendere” il proprio valore (la fiducia tra organizzazione e cooperativa) costruito in anni di rapporti, a chi ha altri interessi (e anche mal celati) rispetto a quello della tutela degli interessi del movimento cooperativo. Nel 2011 la Coldiretti ci riprova: l’ingresso in Coldiretti di Aicoop e, anche qui, è Mauro Tonello (vicepresidente Coldiretti) che riceve l’investitura per realizzare il progetto della Coldiretti.
Nel 2011 il presidente Unci Paolo Galligioni annuncia il divorzio tra la sua organizzazione e la Coldiretti (Italia Oggi, 22 ottobre 2011) affermando che “Coldiretti aveva promesso in dote 1.500 cooperative, ne ha portate 300”. Secondo fallimento.
Oggi Coldiretti ci riprova con Ue.Coop. A capo - indovinate chi? - Mauro Tonello.
L’Alleanza delle Cooperativa Italiane esprime la sua critica più forte verso l’ennesimo attacco messo in atto dalla Coldiretti. Un’azione che rischia di mettere in grossa difficoltà le cooperative considerato che viene chiesta l’adesione presentando Ue.Coop come una struttura di servizi o come uno strumento per collaborare con le altre centrali e rendere più incisiva l’azione di rappresentanza del movimento cooperativo: comportamento inqualificabile, per non dire altro. Niente di tutto questo. Al costo di 50 euro cercano sostegno per raggiungere il numero necessario e chiedere il riconoscimento ministeriale di una nuova centrale cooperativa. Mentre tutto questo accade chi offrirà i servizi alla cooperativa che ha aderito e, soprattutto, chi fornirà loro il servizio revisione?
Risulta evidente che l’esperienza e la competenza che Ue.Coop potrà mettere a disposizione sarà del tutto inadeguata così come è evidente che, nelle cooperative agricole, l’eventuale richiesta di adesione alla nuova centrale di Coldiretti potrebbe innescare ulteriori divisioni tra i soci che aderiscono con la propria azienda ad altre organizzazioni professionali. L’Alleanza delle Cooperative (Confcooperative, Legacoop e Agci), sia a livello nazionale che regionale, assumerà ogni iniziativa tesa a respingere questo attacco e lavorerà per costruire una nuova stagione delle cooperazione che permetta di rafforzare la sensibilità e la conoscenza del modello di impresa cooperativo che, a differenza di altri, è parte del dna dell’Alleanza delle Cooperative Italiane.
 
Advertisement
 

Eventi

« < Settembre 2018 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
Nessun evento
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
 
Advertisement
Advertisement
Advertisement