Ccfs conferma impegno nel sostenere cooperative del territorio nazionale PDF Stampa E-mail
di Legacoop.it   
mercoledì 26 maggio 2010
Ccfs chiude l’esercizio 2009 con un utile di 2,2 milioni, risultato più che positivo in un anno ancora pesantemente condizionato dalla crisi. I dati di bilancio 2009 sono stati presentati oggi ai soci in un’anteprima a Roma nel Centro Congressi Cavour. Tra i presenti: Ilio Patacini, Presidente Ccfs; Agostino Alfano, amministratore delegato del Consorzio; Simona Caselli, direttore commerciale.

 

 

Sebbene il drastico calo dei tassi scontato nel 2009 rispetto all’esercizio precedente abbia più che dimezzato il “fatturato” del Consorzio e ridotto i ricavi da 63 milioni di euro ai circa 29 dell’esercizio appena chiuso, il margine di intermediazione finanziaria conseguito da Ccfs è superiore a quello dell’esercizio precedente grazie all’incremento dei volumi di impiego su soci. I finanziamenti erogati ai soci alla chiusura dell’esercizio hanno raggiunto i 776 milioni, in espansione rispetto ai valori medi dell’esercizio precedente (704,4 milioni), confermando come il Consorzio stia intensificando i propri sforzi per sostenere le cooperative in tutto il territorio nazionale. Negli ultimi mesi la raccolta bancaria é risultata meno onerosa di quella da soci, forma di raccolta che rimane comunque prioritaria per missione del Consorzio. La raccolta media complessiva proviene, infatti, per oltre il 77% dai soci e si attesta sugli 895 milioni di euro. La movimentazione bancaria è stata nel 2009 di 59,6 miliardi, in forte riduzione rispetto al 2008 (-15%). In costante aumento sono le operazioni di compensazione finanziaria tra i conti correnti dei soci, superiori nell’anno a 7,4 miliardi di euro. Intenzione del Consorzio è continuare a privilegiare la quantità anche per il 2010, cercando di accrescere l’afflusso di risorse alle cooperative aumentando il numero di operazioni in pool con le banche. Un elemento di novità è costituito dal ripristino dell’utilizzo delle fideiussioni, in disuso presso il Consorzio ormai da una ventina di anni, come ulteriore strumento a sostegno delle cooperative; strumento normato all’interno del nuovo Regolamento per i Finanziamenti deliberato in sede di assemblea straordinaria avvenuta nel maggio del 2009. L’utile netto dell’esercizio 2009, che ammonta per la precisione a 2 milioni e 193mila euro, viene conseguito dopo l’accantonamento di due milioni e 385mila euro a fondo rischi su crediti ed il pagamento di 471mila euro di imposte. La redditività conseguita ha consentito l’erogazione ai soci di un ristorno di 990mila euro che verrà destinato ad aumento del Capitale Sociale; è inoltre prevista la distribuzione ai soci di dividendi pari al 3,9% del capitale versato per complessivi euro 806.658. Da un punto di vista patrimoniale il Consorzio contabilizza mezzi propri e utili per 63,1 milioni di euro composti da un capitale versato di 21,9 milioni (con un incremento di 1,4 milioni di euro), da riserve indivisibili e da un accantonamento di 7,1 milioni di Euro ad un generico fondo per rischi finanziari. L’incremento del patrimonio netto aziendale ha superato i 3,2 milioni di euro. È in crescita il numero dei soci che si attesta sulle 1.115 unità presenti in tutte le regioni italiane; in particolare si è evidenziato un aumento nelle adesioni al nord dove la cooperazione continua a crescere ed il Consorzio ha fornito il proprio supporto non solo per operazioni di finanziamento del circolante, ma anche per investimenti, sintomo positivo di sviluppo.
 
Advertisement
 

Eventi

« < Dicembre 2018 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Nessun evento
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
 
Advertisement
Advertisement
Advertisement