Salute mentale di comunità. Il supporto all'abitare PDF Stampa E-mail
di Ufficio stampa   
mercoledì 16 maggio 2018
ImageL’iniziativa “Salute mentale di comunità. Il supporto all’abitare: esperienze e prospettive nel contesto della Basilicata”, che si è tenuta all’hotel Palace di Matera lo scorso 4 maggio, è il secondo di tre appuntamenti programmati nel 2018 da Aci Sociale Basilicata e Airsam. Nel quarantesimo anniversario della legge 180/78, meglio nota come legge Basaglia, la serie di incontri intende riaffermare la visione che ha caratterizzato la riforma psichiatrica in Italia e il relativo superamento delle logiche e delle pratiche manicomiali; logiche che oggi si ripropongono nelle forme della medicina (psichiatria difensiva), della crescente medicalizzazione anche nei servizi più marcatamente territoriali, del controllo fine a se stesso, del prevalere delle carte sulla persona sempre più marginalizzata.

Le specifiche tematiche dei tre eventi programmati rientrano, pertanto, in quella visione di salute mentale aperta alle pratiche territoriali, alle risorse di rete comunitarie, alla centralità dell’utente e della famiglia, al ruolo da protagonista che dovrebbero svolgere tutti i soggetti che concorrono alla costruzione del maggior benessere sociale.
L’evento dell’11 gennaio ha riguardato l’accreditamento delle strutture residenziali quale modalità prevista dalle vigenti normative, garanzia di qualità e di trasparenza oltre che di superamento delle logiche di gare al massimo ribasso.
Il convegno sul supporto all’abitare del 4 maggio ha riscosso una notevole partecipazione da parte dei cooperatori del settore afferenti alle diverse centrali e ha evidenziato una notevole qualità degli interventi. Giuseppe Cardamone, direttore Dsm Azienda Usl sud-est Toscana, ha rappresentato una esperienza tra le più avanzate nelle politiche di welfare territoriale, entro cui il supporto all’abitare riveste particolare rilevanza. Valeria Negrini, responsabile nazionale salute mentale Federsolidarietà, e Gian Luigi Bettoli, coordinatore nazionale salute mentale Legacoopsociali, nel contesto delle migliori esperienze nazionali hanno ribadito il valore di questo servizio all’interno di un sistema di risposte che dalla struttura residenziale approda all’abitare autonomo supportato. 
salutementale2-sala.jpg
Le testimonianze degli operatori del settore pubblico e del privato sociale sull’esperienza portata avanti nel materano, inoltre, hanno rimarcato il valore di un servizio orientato sulla massima personalizzazione, sulla centralità della persona e del suo contesto famigliare e sociale, su una pratica che previene sia l’uso improprio della strutture residenziali che il ricorso spinto all’ospedalizzazione. Dati e aspetti tutti documentati dal parere dei fruitori del servizio. Gli esiti di efficacia dell’intervento emersi dalle relazioni hanno validato la proposta di estendere questo servizio all’intero territorio regionale, sia per l’efficacia e l’appropriatezza dimostrate, sia per il potenziale volano che la rappresenta in termini di sviluppo di comunità e occupazione.
L’iniziativa ha inoltre consentito un confronto attivo con le istituzioni, in particolare con il presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella e con il direttore Asm Pietro Quinto, che hanno confermato l’imprescindibilità del servizio di supporto all’abitare in salute mentale nelle politiche socio-sanitarie, garantendo il potenziamento dell’esperienza e la sua estensione all’intero territorio Regionale.
L’evento ha infine rappresentato un ulteriore passo avanti nell’integrazione fra le centrali cooperative, all’interno di una visione comune sui temi del welfare di comunità e del ruolo dell’innovazione che continuerà a svolgere la cooperazione sociale lucana.
 
Advertisement
 

Eventi

« < Agosto 2018 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
Nessun evento
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altre notizie