Osservatorio regionale sull'edilizia, procedono i lavori PDF Stampa E-mail
di Ufficio stampa   
lunedì 29 luglio 2013
ImageNato per offrire un supporto ai decisori delle politiche dell'edilizia e dei lavori pubblici attraverso un continuo confronto con le parti sociali e la rilevazione degli andamenti settoriali, l'Osservatorio regionale sull'edilizia si è insediato lo scorso 10 giugno e da allora si è già riunito tre volte.

L'Osservatorio – composto dall’assessore e dal direttore generale del Dipartimento regionale alle Infrastrutture, rispettivamente con funzioni di presidente e di vicepresidente, dai presidenti delle Province, dall’Anci e dell’Ance regionali, da rappresentanti delle pmi, delle categorie professionali e delle organizzazioni sindacali confederali di categoria e su temi dell'edilizia abitativa – promuove la conoscenza dell'andamento del settore attraverso il monitoraggio permanente dei processi e verifica l'andamento di rilevazioni periodiche sulle opere in corso, su quelle di futura cantierizzazione, sugli andamenti settoriali con lo scopo di offrire un efficace supporto alla programmazione regionale. Sono stati infatti auditi i responsabili dei maggiori investimenti pubblici nel settore per verificarne l'andamento e individuare le motivazioni di eventuali ritardi.
Rilascerà strumenti di supporto come banche dati tematiche e rapporti statistici periodici. Tra le altre finalità ci sono quelle di arginare i fenomeni di distorsione del mercato, quali il ricorso al lavoro nero ed il meccanismo del massimo ribasso nell'affidamento degli appalti, per concorrere all'opera di prevenzione e contrasto del fenomeno delle possibili infiltrazioni della criminalità organizzata nel ciclo delle opere pubbliche.
 
L'Osservatorio si avvale di una struttura tecnica composta da personale del Dipartimento Infrastrutture, coadiuvata secondo le necessità dagli Uffici regionali di riferimento o da soggetti operanti in altri settori di indagine che riguardano la sfera sociale, economica, produttiva. «Il tavolo deve darsi funzioni tecnico-politiche per superare i tempi di crisi e raccogliere le informazioni utili a velocizzare la canteriabilità delle opere», dichiara Loredana Durante, che al tavolo rappresenta l'Alleanza delle Cooperative Italiane di Basilicata. «Bisogna programmare gli interventi per contenere i costi e spendere razionalmente – continua Durante – e, anche per questo, istituire presto la Stazione Unica Appaltante anche in Basilicata». La SUA è richiesta a più voci da tutto il tavolo per prevenire situazioni in cui la dispersione di competenze rallenta il regolare corso delle procedure di appalto.
 
Advertisement
 

Eventi

« < Ottobre 2018 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31 1 2 3 4
Nessun evento
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
 
Advertisement
Advertisement
Advertisement