Programmazione e spesa, coinvolgere attivamente le parti economiche e sociali PDF Stampa E-mail
di Ufficio stampa   
giovedì 18 luglio 2013
ImageIl coinvolgimento delle parti economiche e sociali nella programmazione deve essere tempestivo e sostanziale, non formale e strumentale. Questo il richiamo alle istituzioni regionali da parte delle associazioni del manifesto Pensiamo Basilicata, che hanno già visto scivolare nel nulla le richieste, inoltrate – congiuntamente a Confindustria – il 17 maggio e il 5 luglio al presidente e al vicepresidente della Giunta regionale, di convocazione urgente della Cabina di regia perché luogo, prima ancora del Comitato di sorveglianza, idoneo ad affrontare i temi della ricognizione della programmazione 2007/2013 e a definire le priorità del nuovo ciclo 2014/2020.

Nonostante le ripetute sollecitazioni, non è ad oggi pervenuto nessun riscontro. Quello che si temeva, dunque, sta accadendo: nel vuoto politico, determinato dalle dimissioni del presidente De Filippo e l'apertura della conseguente crisi, l'apparato burocratico continua a voler gestire la situazione con i vecchi schemi generando di fatto l'ingessamento della macchina pubblica. Occorrono invece nuove modalità, adeguate ad una fase in cui il Governo regionale non è legittimato ad assumere decisioni strategiche senza un coinvolgimento diretto delle parti sociali che, in assenza della rappresentanza diretta determinata dai cittadini, aiutano ad interpretarne i bisogni. Il partenariato sociale sembra invece relegato a semplice esercizio per mandare avanti formalmente le procedure comunitarie, ma di fatto depauperato del ruolo poiché non è messo nelle condizioni di poter avanzare le proprie istanze e intervenire sui livelli decisionali per contribuire a sollevare le sorti dell'economia lucana; tanto che gli stessi incontri tecnici del partenariato economico sociale, tarati su un'impostazione quasi "didattica" più che su un reale confronto, si traducono in una presa d'atto di decisioni calate dall'alto e non frutto di una concertazione reale.
L'agenda regionale, insomma, sembra focalizzata sui posizionamenti personali e più che mai distante dai problemi reali delle imprese e dei cittadini lucani. Ne è ultimo esempio la delibera del 18 giugno relativa al Patto di stabilità: mentre vengono allentati oltre 100 milioni relativamente alla spesa corrente e alla spesa assistenziale, viene sbloccato soltanto il 25% rispetto ai crediti pregressi maturati dalle imprese, di cui appena un acconto viene messo in pagamento. Senza un deciso e immediato cambio di metodo che accolga il contributo delle parti sociali, si corre il concreto rischio di veder scorrere i titoli di coda sull'economia regionale.

 
Advertisement
 

Eventi

« < Luglio 2018 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5
Nessun evento
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
 
Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altre notizie